COMUNICATO STAMPA

UAI FIRENZE - ISTITUZIONE SPORTELLO ANTICRISI CORONAVIRUS - Covid 19

In seguito ai necessari e opportuni provvedimenti del DCPM dell’8 Marzo 2020 che ha esteso la "zona rossa" a tutto il territorio nazionale, UAI - Unione Artigiani Italiani e delle piccole e medie imprese - ha già dato mandato a tutte le sedi locali di pronunciarsi con iniziative concrete a sostegno delle imprese, attraverso l’attivazione di sportelli ad hoc per fronteggiare insieme l’emergenza Coronavirus. Uno strumento diretto attraverso il quale il sindacato imprenditoriale UAI tende la mano a tutti gli associati con una serie di procedure semplificate al fine di accedere agli ammortizzatori sociali e alle forme di sostegno al reddito contrattualmente previste (cassa in deroga CIG - Cassa Integrazione Guadagni e FIS - Fondo Integrazione Salariale).

“Ognuno di noi deve fare la propria parte, con l’augurio e l’auspicio che le misure messe in campo ci facciano uscire dall’emergenza nel più breve tempo possibile” ha sottolineato il Presidente Nazionale UAI Gabriele Tullio – che aggiunge - Riteniamo che al contempo le imprese non vadano lasciate da sole, ma supportate in tutte le fasi necessarie alla conservazione dei posti di lavoro. La nostra Confederazione ha pensato all'apertura presso tutte le sedi territoriali della UAI di unità locali in grado di poter dare risposte certe alle imprese che si trovano ad affrontare l’emergenza. Le attività delle sedi territoriali verranno coordinate da una cabina di regia nazionale che recepirà tutte le misure messe in campo dal Governo e le trasferirà immediatamente sull'intera penisola. La coesione e il senso di responsabilità – conclude Tullio – sono le risposte che ognuno di noi deve dare, facendo nei limiti delle proprie possibilità la parte che ci viene richiesta”.

Alle parole del presidente nazionale UAI fanno eco quelle dell’Ing. Claudio Nobler, responsabile di UAI Firenze: “Anche in Toscana i dati economici mettono in evidenza una netta recessione in ogni settore, in particolare di quello turistico che ha subito una netta flessione con ricadute a pioggia su tutto l’indotto commercio e servizi. Sin da subito chiediamo alle autorità competenti di aprire un tavolo di concertazione regionale, purtroppo ci troviamo di fronte a un serio rischio epidemiologico che si accompagna a una profonda crisi economica che ha già contagiato e messo in ginocchio artigiani, piccole e medie imprese, professionisti, ambulanti, operatori turistici mostrando tutte le fragilità di un sistema economico già precario in partenza. Come UAI Firenze da un lato ci stiamo muovendo a livello istituzionale per chiedere misure di sostegno, dall'altro lato offriamo servizi per favorire accordi sindacali per adottare strumenti tecnologici ed erogare corsi on-line e per tutto ciò che concretamente possa mitigare gli effetti economici e sociali di questa grave crisi, incoraggiando gli imprenditori nostri associati ad affrontarla come una opportunità. Alle amministrazioni comunali - aggiunge Nobler - chiediamo massima comprensione, quotidianamente riceviamo richieste di assistenza dagli ambulanti disperati, costretti a buttar via la merce alimentare in scadenza viste le fiere annullate, alle piccole botteghe che ci chiedono la necessità di coordinare un servizio di consegna a domicilio insieme agli altri negozi della propria strada. Stesso discorso per le aziende di produzione con decine di lavoratori obbligate a non fermare la produzione e la conseguente problematica di gestione della sicurezza sul lavoro, alle aziende di servizi che vorrebbero invece sviluppare lo smart work, ma impossibilitate senza un accordo sindacale e gli idonei strumenti informatici. Per gli accordi sindacali e la formazione on-line, UAI sta collaborando con CNEBiFIR - Confederazione Nazionale Enti Bilaterali Formazione Istruzione e Ricerca. Pertanto - chiude Nobler - parallelamente alle misure di contenimento della diffusione del Covid19 alle Istituzioni chiediamo con altrettanta urgenza di predisporre adeguati strumenti di sostegno per tutti i comparti direttamente o indirettamente colpiti dalla crisi. UAI Firenze esprime massima disponibilità e collaborazione per stabilire insieme i progetti di rilancio dell’economia e realizzare un piano di sviluppo rapido, lungimirante, stabile e innovativo."

Firenze (FI), 11/03/2020