Il C.N.E.Bi.F.I.R. - Confederazione Nazionale Enti Bilaterali Formazione Istruzione e Ricerca nasce con lo scopo di riunire in una Confederazione tutti quegli attori che a vario titolo operano nel mondo della formazione, come Organismi Paritetici, Enti Bilaterali, Istituti di Ricerca, Enti di Formazione, Associazioni datoriali e Organizzazioni Sindacali.

Il C.N.E.Bi.F.I.R. è costituito dalla U.A.I. Unione Artigiani Italiani e delle Piccole e Medie Imprese, esercenti attività di Commercio, Artigianato, Industria e Agricoltura, in qualità di Confederazione datoriale, insieme a UGL Unione Generale del Lavoro del Lazio in qualità di sindacato dei lavoratori, presente nel CNEL come confederazione comparativamente e maggiormente rappresentativa. Oggi C.N.E.Bi.F.I.R. raggruppa al proprio interno sigle sindacali come Confintesa e Failc-Confail al fine di rafforzare la rappresentanza dei lavoratori.

Il C.N.E.Bi.F.I.R. ricopre tutti i macro-settori ordinari /specialistici e svolge le attività di progettazione, erogazione, attestazione e certificazione dei percorsi formativi inerenti la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro, in ottemperanza al D.Lgs. 81-2008 e s.m.i. anche attraverso il proprio Organismo Paritetico e gli Enti aderenti.

Perché aderire ?

Gli Enti Bilaterali sono istituiti e disciplinati dalla Contrattazione Collettiva Nazionale. L’iscrizione del datore di lavoro a un ente bilaterale ed il pagamento della relativa contribuzione sono obbligatorie solo se l’azienda è associata a una delle organizzazioni che hanno stipulato il contratto collettivo nazionale di lavoro applicato.

Tuttavia, se il contratto collettivo prevede, nella parte economico-normativa, tutele aggiuntive per dipendenti e che una determinata prestazione rappresenti un diritto dei lavoratori, l’iscrizione all'ente rappresenta una delle modalità per adempiere all'obbligo gravante sul datore.

Le imprese che non aderiscono al sistema degli Enti Bilaterali e che non versano il relativo contributo, dovranno corrispondere obbligatoriamente a ciascun dipendente un Elemento Aggiuntivo della Retribuzione (E.A.R.), che ad esempio nel settore dell'artigianato ammonta a € 325 annui, pari ad € 25 lordi a dipendente per 13 mensilità.

Il datore di lavoro che non versi né il contributo alla bilateralità, né la quota E.A.R. in busta paga e né eroga prestazioni equivalenti al lavoratore, risulta inadempiente, trovandosi in una situazione di omissione della contribuzione integrativa in questione.

La bilateralità rappresenta un importante strumento di partecipazione sociale, concorrendo a realizzare, con la contrattazione collettiva, la società democratica fondata sull'apporto delle formazioni espressione della società civile, riconosciuta dalla Carta Costituzionale.

Il versamento della Bilateralità a C.N.E.Bi.F.I.R. permette di accantonare risorse finanziarie per la fruizione di una vasta gamma di servizi e adempiere agli obblighi verso i dipendenti.

 

Il C.N.E.Bi.F.I.R. così come previsto dallo Statuto si prefigge di:

  • Incentivare e promuovere studi e ricerche nel mondo del lavoro con particolare riguardo
    alla analisi dei fabbisogni di formazione;
  • Promuovere lo sviluppo e la diffusione di forme integrative nel campo dell’assistenza e della
    previdenza, in relazione alle indicazioni delle parti sociali;
  • Attivare tutte quelle procedure che permettano di promuovere e favorire l’incontro tra
    domanda e offerta di lavoro;
  • Partecipare attivamente alla contrattazione collettiva, non solo nella veste di firmatario, ma
    principalmente con il contributo tecnico innovativo;
  • Progettare, promuovere, iniziative di formazione continua e riqualificazione
    professionale,anche attraverso convenzioni e collaborazioni con le Istituzioni Nazionali,
    Europee, Internazionali, nonché con altri Organismi che si prefiggono i medesimi scopi.

Per ulteriori informazioni:

https://www.cnebifir.it